Progetto A.N.D.E. - Automatic Neurological Diseases Evaluation


L’obiettivo di questo progetto è lo studio, la progettazione, lo sviluppo e la sperimentazione di un nuovo sistema che supporti l’operatore medico nelle prime fasi dell’indagine diagnostica al fine di poter valutare, nel modo più preciso possibile, il deficit neurologico del corpo umano.

Il sistema dovrà permettere al personale medico in emergenza ed agli specialisti di poter rilevare il grado di deficit attraverso uno strumento che poggia le sue basi sui protocolli standard internazionalmente riconosciuti e che limiti al massimo il fattore K mediante l’ausilio della tecnologia. Nello specifico, sarà predisposto un sistema innovativo basato sull’applicazione sperimentale nell’ambito dell’emergenza ospedaliera di tecnologie di rilevazione di parametri biomedicali che saranno elaborati e gestiti da apposite applicazioni verticali sviluppate in ambiente Cloud Computing: tale piattaforma sarà la base per la creazione di un network interospedaliero (modello Hub&Spoke) con l’obiettivo di prestare tempestiva ed efficace assistenza in emergenza nei casi di deficit neurologico nell’ambito di eventi neuro vascolari acuti.
In tal senso, è previsto lo sviluppo di un insieme di soluzioni tecnologiche per far si che la valutazione clinica di un caso di sospetto ICTUS sia effettuata con la massima oggettività possibile. Nello specifico si vorrebbe misurare con precisione quanti più parametri possibili della NIH SS per metterla in relazione con gli altri parametri disponibili come l’imaging intracranico, esami di laboratorio ed immagini IR. Sarà così possibile misurare e migliorare l'efficacia della valutazione e preparazione del personale che si accinge ad operare in tali ambiti, dare loro un supporto ed informazioni quanto più oggettive per valutare i pazienti colpiti da tale patologia. Lo stesso strumento potrebbe garantire una maggiore uniformità della metodologia dei dati raccolti.

Da alcuni studi è dimostrato che il fattore di soggettività nella valutazione del deficit (fattore K) raggiunge valori importanti specie su alcuni item di valutazione della NIH come atassia e paresi facciale. La motion tracking o tracciamento dei movimenti è stato un argomento di ricerca attivo a partire dagli anni ottanta. Le tecnologie dei tracking systems, inviano informazioni spazio-temporali dei movimenti del corpo umano. Ma molte sfide sono ancora aperte, a causa della complessità della branca delle Neuroscienze e limiti tecnologici. Uno dei risultati più importanti è rappresentato dall’opportunità di avere una maggiore uniformità della metodologia dei dati raccolti. Il database che si andrà a costituire faciliterà l’analisi dei dati di tutti gli aspetti riguardanti gli eventi di ICTUS, correlandoli ad informazioni di tipo demografico ed una corrispondenza cronologica accurata. Ciò sarà di grande aiuto nella creazione di estese data analisys con la possibilità di evidenziare aspetti nuovi della materia e di migliorare le possibilità e la qualità delle cure nel prossimo futuro.


Partner del progetto:
• TelecomItalia
• Università La Sapienza
• Nova Systems Roma
• LogicaInformatica
• ICTinnova